A Punta Baffe tra i corbezzoli

A Punta Baffe tra i corbezzoli
10 Dicembre 2020 Lucia

Se cercate un percorso facile, una vista fantastica, un itinerario costellato da alberi di corbezzolo per i più ghiotti., la passeggiata al torrione di Punta Baffe è quello che fa per voi.

Come arrivare

Da Sestri Levante si imbocca la via Aurelia in direzione est, verso il passo del Bracco. Superata Riva Trigoso, al Km 468 trovate una stradina che sale sulla destra con l’indicazione dell’Azienda Agricola Casaggiori da dove parte la strada sterrata che conduce al sentiero di Punta Baffe.

 

 Il sentiero dei corbezzoli

 

Il sentiero di punta Baffe sale dolcemente nella macchia mediterranea e mi colpisce soprattutto la quantità di alberi di corbezzolo. Il percorso è facile e breve, ma calcolate un po’ più di tempo se siete ghiotti e vi fermate ad ogni albero per raccogliere i dolcissimi frutti rossi. Io sono anche riuscita a fotografare una bella farfalla: una Vanessa Atalanta, che si è messa in posa.

Man mano che si cammina si aprono scenari tra gli alberi veramente grandiosi: verso est la costa ligure con le scogliere a picco sul mare, le varie insenature fino al promontorio di Punta Mesco; 

verso ovest la baia di Riva Trigoso con Punta Manara, Sestri Levante e sullo sfondo il Golfo Tigullio fino al Promontorio di Portofino.

 

La torre di Punta Baffe

Arrivati in prossimità della punta trovate una torre, con una scala di ferro esterna per i più temerari ed una a pioli in legno interna, che sembra più facile da scalare ( io soffro di vertigini ed ho desistito). Volendo si può quindi salire sulla torre e stare di vedetta!

La torre è parte di quella rete di fortificazioni e torri che costellano le coste liguri. Risale alla fine del XVI secolo e veniva usata per avvistare le navi saracene che minacciavano i paesi e gli insediamenti della Riviera. Con segnali di fumo di giorno e con fuochi di notte si comunicavano i pericoli imminenti per difendere il territorio.

Ah, dimenticavo! Lungo tutto il percorso ci sono tanti tavoli da pic-nic dove fermarsi per un pranzo al sacco.

E’ un percorso adatto alle giornate invernali di sole, quindi approfittatene anche in questo mese di dicembre.

 

2 Commenti

  1. Anna 1 settimana fa

    Ieri ho seguito il tuo consiglio e sono andata a Punta Baffe. Giornata invernale con un sole meraviglioso e panorami stupendi…..come hai scritto tu, grazie del suggerimento

    • Autore
      Lucia 1 settimana fa

      Sì, hai visto che panorami? spero anche io di tornarci presto!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*