Le donne genovesi

Le donne genovesi
7 Marzo 2018 Lucia

“Può darsi che vi siano in Europa donne più graziose, ma io ne dubito……queste donne genovesi sono incantevoli”: così scriveva, nel lontano 1867, Mark Twain.

Simonetta Cattaneo

E di donne belle, a Genova, la storia ne annovera parecchie. Simonetta Cattaneo, se fosse vissuta ai giorni nostri, sarebbe stata incoronata Miss Mondo. Nonostante qualche incertezza sulla città natale, c’è chi la dice di famiglia genovese ma nata a La Spezia, la bellissima fanciulla fece girare la testa a più d’un gentiluomo: trasferitasi a Firenze e moglie di Marco Vespucci, cugino di Amerigo, divenne l’amante di Giuliano de Medici, fratello di Lorenzo il Magnifico. Chissà quanti altri spasimanti avrà avuto lei che, a detta dei contemporanei, era la più bella donna vivente. Poliziano la fece protagonista di una delle sue Stanze e Botticelli rese omaggio alla sua bellezza.

Qui a Genova, nel Museo di santa Maria di Castello vi è L’incoronazione della Vergine di Ludovico Brea. La scena sacra è incorniciata da una moltitudine di figure, se ne contano più di duecento, tutte rivolte verso la Vergine; solo una fa eccezione: è Simonetta Cattaneo che, civettuola e conscia della propria grazia, volge lo sguardo verso lo spettatore.

 

Pellina Lomellini

Un’altra storia che vede protagonista una bellezza genovese è quella di Pellina Lomellini, moglie di Rodolfo Brignole Sale. Costei era bellissima e accese le mire di Louis François Armand de Vignerot du Plessis, Duca di Richelieu (costui era il grande seduttore che aveva ispirato il personaggio di Valmont in Le relazioni pericolose di De Laclos). La bella Pellina però era fedele al marito e riuscì con uno stratagemma a sfuggire alle insidie del Duca di Richeliu: gli fece credere di essere disposta ad un incontro amoroso, ma fingendosi timida pretese che fosse al buio. Pellina organizzò uno scambio di persona e, invece che con lei, il duca si unì con una donna un po’ bruttina e avanti con gli anni. Che smacco per il grande seduttore!!

W le donne!

Ma le donne di Genova sono tutte speciali: quelle affascinanti, simpatiche, carismatiche, graziose, lavoratrici, fannullone, sportive, pantofolaie, artiste, scienziate, professioniste, casalinghe, allegre, malinconiche, attente, distratte, serie, maliziose, ingenue o scaltre…protagoniste di tante storie segrete e sconosciute!

 

 

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*