Tra i faggi del Monte Caucaso

Tra i faggi del Monte Caucaso
13 Maggio 2018 Lucia

Vi propongo un’altra gita facile facile,  che vi porterà su un bel monte affacciato sul golfo Tigullio. Come sempre vale il mio principio di minimo sforzo, massima resa! E’ un percorso per nulla impegnativo, non faticoso, che con poco dislivello vi porta su una delle cime dei monti di Liguria che si affacciano sul mare e da cui si può godere di un panorama a 360 gradi.

La salita sul monte Caucaso

Si parte da Barbagelata, una piccola frazione di Lorsica: si trova sullo spartiacque tra Val Trebbia e Val d’Aveto ed è l’abitato più elevato della provincia Genova (1115 metri s.l.m.). Poco lontano dall’abitato, percorrendo la SP 56 verso il passo della Scoglina, si trova uno spiazzo dove parcheggiare l’auto sul lato sinistro della strada, in prossimità, dalla parte opposta della carreggiata, dell’inizio del sentiero che porta al rifugio Caucaso. E’ ben segnalato e si riconosce dalla presenza, alla partenza, di un cippo che ricorda la lotta partigiana e da una catasta di legna. Il sentiero sale e scende senza troppi strappi attraversando un bel bosco di faggi. Io adoro questo tipo di bosco, con la luce che filtra tra le foglie degli alberi creando dei bei giochi di luce ed ombra.

Il sentiero da seguire è quello col triangolo rosso; lungo il percorso si arriva ad un crocevia presso il Passo del Gabba, da dove si diparte un sentiero (con due bolli blu) che scende al Prato Longo, dove sono le sorgenti del fiume Aveto. Io comunque ho proseguito seguendo il triangolo rosso  per arrivare  alla cima del Monte Caucaso. Nell’ultimo tratto, peraltro breve, la salita è un po’ più ripida, ma anche se siete un po’ pigri o poco allenati non è certo impegnativa!

Sulla cima del Caucaso sorge una cappelletta e da lassù il panorama è veramente meraviglioso: ai piedi del Caucaso, verso sud, si estende la Val Fontanabuona, fitta di boschi e, all’orizzonte,  si scorge il golfo del Tigullio con il promontorio di Portofino a ovest e quello di Sestri Levante a est.  Purtroppo quando sono salita io c’era un po’ di foschia, ma voglio tornare in una giornata limpida per godermi questo bel panorama!

Il Rifugio Monte Caucaso

Poco sotto la cappelletta si trova il Rifugio Monte Caucaso, gestito dai simpatici Maurizio e Patrizia, dove vi potrete rifocillare. Come souvenir della gita Patrizia vi propone i suoi dipinti su legno e Maurizio realizza, al tornio,  delle bellissime penne in legno.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*