Un insediamento di antichi Liguri nel Monregalese

Un insediamento di antichi Liguri nel Monregalese
25 Ottobre 2018 Lucia

Le valli del Cuneese sono spesso invase da Genovesi, Savonesi e, in generale, da Liguri che nelle seconde case trascorrono vacanze estive ed invernali…Non me ne vogliano gli amici piemontesi, ma forse noi Liguri sentiamo un po’ nostri quei luoghi e ci sentiamo un po’ a casa, in quelle valli abitate più di 2000 anni fa dai nostri antenati.

Eh sì, i confini del territorio dei Liguri, in epoca preromana, erano ben più vasti di quelli della regione attuale e e diverse tribù liguri occupavano i monti e le valli fino al confine col fiume Po.

I siti archeologici degli insediamenti liguri in Piemonte sono diversi, e spesso presentano una continuità di frequentazione in epoca romana e in periodi successivi.

Quest’estate sono capitata a Montaldo di Mondovì, un piccolo comune tra le valli Corsaglia e Roburenterello.

In questa zona vivevano i Montani Ligures, qui insediati già dall’XI secolo a. C.

Gli storici antichi, primo fra tutti Tito Livio, ci raccontano della distruzione dell’insediamento Ligure ad opera dei Romani nel II secolo a. C.

 

Oggi , su una altura al centro dell’abitato, vi è una piccola area archeologica; i resti, risalenti al IV- II sec a. C., dell’abitato degli antichi Liguri Montani sono ormai pochi e difficilmente individuabili: sulle stesse fondazioni nel Duecento fu costruito un castello fortificato, residenza del signore di Montaldo e della sua famiglia. Gli archeologi hanno comunque ricostruito l’aspetto dell’insediamento dei Liguri, con capanne quadrangolari intorno ad un’area sacra leggermente sopraelevata rispetto alla zona abitativa.

Sono una dei tanti Liguri che frequenta le valli del cuneese; oltre a percorrere i sentieri di montagna o a sciare sulle piste dei comprensori della zona la mia passione per l’archeologia mi ha portato a scoprire questi pochi resti che parlano di un popolo forte e fiero: i Liguri.

In un prossimo post vi parlerò un po’ di loro…

 

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*